governo quirinale non forzano tempi per esecutivo politico maio spostiamo savona altro ministero

Posted on June 2, 2018. Filed under: internet news rivista | Tags: , , , , , , , , , , , , |

Una mossa che Di Maio ha reso pubblica dopo un incontro al Quirinale, dov’è stato ricevuto dal presidente della Repubblica, con il doppio obiettivo di far rientrare il conflitto di questi giorni (tra accuse di impeachment e smentite ufficiali alle dichiarazioni di Di Maio in tv) e avviare un percorso di ripartenza della maggioranza gialloverde in accordo con la più alta carica dello Stato.

E’ per questo che Mattarella, subito dopo Di Maio, ha incontrato anche il presidente del Consiglio incaricato Carlo Cottarelli per chiedergli di aspettare ancora prima di sciogliere la riserva e consegnare la lista dei ministri del governo di servizio proprio per dare altro tempo e possibilità a un governo politico, un’opzione che il Quirinale preferisce sopra a ogni altra.

19.50 Di Maio: La battaglia non è con il Quirinale

La battaglia non è con il Quirinale, tra il bene del M5S e il bene del Paese abbiamo sempre cercato di mettere prima l’obiettivo di stare in questa legislatura per cambiare le cose.

18.51 Di Maio: Troviamo un’alternativa a Savona, ma non amico di banche e agenzie di rating

Troviamo una persona di eccellente caratura come Savona e lui rimane con un altro posto nella squadra di governo, ma non uno che sia amico delle banche o della agenzie di rating.

Advertisements
Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

La tragedia di Bergamo Uccide l’ex fidanzata e poi parte per le ferie

Posted on July 29, 2008. Filed under: nbc news | Tags: , , , , , , , , , , , |

nostro inviato a BergamoUn silenzio quasi irreale, di una città che sembra già chiusa per ferie. Le tapparelle serrate quasi ad ogni piano, il cancello sbarrato a proteggere il silenzio di un condominio colorato di un verde sbiadito. Né ricco né povero, ai limiti del centro, ma nemmeno in periferia, una manciata di palazzine,una sessantina di famiglie che ci vivono e si conoscono, sì ma non troppo. Via Pizzo Recastello numero 18, Bergamo bassa. Qui, scala C, in un appartamento uguale a tutti gli altri la scorsa notte la polizia ha trovato il cadavere di una ragazza.Aveva 27 anni, faceva la commessa all’Auchan, si chiamava Barbara Brandolini. Uccisa, morta soffocata, dice il medico legale. Era stesa sul letto, in casa dell’ex fidanzato. L’assassino l’ha coperta con un piumino, poi ha chiuso a chiave la porta della camera. Quante analogie, sembra di rivedere Meredith sgozzata nella sua casa di Perugia, anche lei nascosta sotto una coperta dal suo carnefice. Poi come non pensare al giallo d’estate – è il periodo – la mente torna a Chiara, a Garlasco, a tutto quel sangue e a un omicida ancora senza nome. Stavolta non ci sarà dei bisogno dei Ris, delle impronte, dei Taormina di turno o delle indagini tv: l’omicida ha già un nome e nonostante i due giorni di vantaggio sugli investigatori è finito in manette. Si chiama Massimiliano Pippia, ventitreenne senza né arte né parte, una vita in nome della canna e un assegno mensile da “invalido”.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=279407

Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

Africa, strage di albini

Posted on July 29, 2008. Filed under: notizie news | Tags: , , , , , , , |

Si sapeva del cuore di cobra ancora pulsante, e di due dita del suo sangue, estratto dal rettile ancora vivo, usato come «mangia e bevi» dai cinesi di Taiwan che così pensano, o pensavano (chi scrive assistette alla scena in anni in cui il Viagra era di là da venire) di migliorare le proprie prestazioni sessuali. Un afrodisiaco, insomma. La pratica era orribile, ma nessuno, a quanto ci consta, si sognò mai di prendere le parti dei cobra.

La notizia che arriva dalla Tanzania, cuore dell’Africa nera, è ancora più atroce, e poiché in qualche modo ricorda la sorte dei cobra, ma ha a che fare col cannibalismo, vien voglia di pensare che sia una di quelle notizie che lievitano sulle pagine dei giornali d’estate, come un tempo le puntuali apparizioni del mostro di Lochness. A far la parte dei capri, in Tanzania sarebbero uomini e donne affetti da una bizzarra e piuttosto rara anomalia: l’albinismo. Anomalia ereditaria che consiste nella mancanza di pigmentazione melaninica nella pelle, nell’iride, nei peli e nei capelli. Ne sono affetti anche i neri, a giudicare dai 26 morti ammazzati nell’arco di un anno (lo riferisce la Bbc, radiotelevisione inglese) ai quali sono stati prelevati genitali, sangue, braccia, orecchie, e perfino unghie. Tutta roba indispensabile, secondo la locale confraternita di maghi, streghe e pitonesse, per la preparazione di unguenti e rosolii che pare siano un toccasana, un portento, per chi se li può permettere.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=279410

Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...