La sfida straniera che aspetta

Posted on August 2, 2008. Filed under: notizie milano | Tags: , , , , |

La scelta del consiglio di sorveglianza di Mediobanca «di proceduralizzare» il ritorno ad una tradizionale forma di governo della società ci sembra saggia per la prudenza e per la determinazione. La prudenza è legata ad una capacità di ascolto anche verso quei manager scelti a suo tempo e peraltro figli autorevoli della nidiata Cuccia-Maranghi. La determinazione è a sua volta legata ad una decisione irrevocabile degli azionisti e cioè l’abbandono del cosiddetto sistema duale che prevede un consiglio di gestione e un consiglio di sorveglianza. Subito si è scatenato un dibattito che ha visto i maggiori opinionisti dividersi in guelfi e ghibellini secondo la migliore tradizione italica. C’è chi ha detto tutto il male possibile dell’uno e dell’altro sistema e chi ne ha tessuto alternativamente le lodi.

In entrambi i casi vi sono state esagerazioni come sempre accade quando c’è di mezzo il tifo. A costo di apparire democristiani, noi riteniamo che entrambe le forme di «governance» possono, di volta in volta, essere delle scelte positive o negative. Come si sa, infatti, le idee camminano sulle gambe degli uomini e i loro comportamenti possono stravolgere le migliori intenzioni o al contrario trasformare in bene ciò che era partito male. Nel dibattito sulla «governance» societaria, infatti, si rincorrono e si intrecciano una serie di valori tutti da tutelare.

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=280329

Advertisements
Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

Un solitario che ha il coraggio di inventare

Posted on July 29, 2008. Filed under: notizie stampa | Tags: , , , , , , , |

Leonard Cohen è nato a Montreal il 21 settembre del 1934 da una famiglia ebrea. Ha esordito nel 1956 come poeta partecipando alla serie poetica «Let us compare mythologies». Il suo primo album è uscito l’anno successivo, ma si trattava di un «reading» di otto poesie. Il suo primo album è del 1967 e si intitola «Songs from Leonard Cohen. Da allora ne ha composti altri dieci (più due dal vivo), compreso l’ultimo «Dear Heather» del 2004. Il suo «Greatest hits» è stato definito da una rivista inglese come «L’album più deprimente di sempre». La sua principale collaborazione con il cinema è stata per «Assassini nati» di Oliver Stone al quale ha dato la sua splendida «The future», che è il tema principale del film. \

Fonte: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=279448

Read Full Post | Make a Comment ( None so far )

Liked it here?
Why not try sites on the blogroll...